Valerio Bruner: musica e parole

 

Di Emilio Vittozzi

VALERIO BRUNER: giornalista, scrittore, musicista

Definirlo semplicemente musicista è semplicistico: Valerio Bruner, nato a Napoli nel 1987, è anche giornalista e scrittore.
Il suo motto è “La musica e il teatro mi hanno salvato la vita”, intendendo così che hanno fatto in modo che non la sprecasse…
Autore di racconti brevi e copioni teatrali, anche su ispirazione della sua musa, Federica, si è formato artisticamente fra Napoli, Londra, la Scozia, l’Irlanda, la Spagna gitana e la Berlino punk e multietnica.
John Cash, Bruce Springsteen, Jim Morrison sono i tre punti fermi della sua musica.
Nel 2017 incide “Down the river”, storie di vita complicate, gioiose, rimpianti e riscatti che si snodano lungo le rive di un fiume in tipico folk americano (personalmente di questo lavoro preferisco “Hey bartender”).
Nel 2020 è la volta di “La belle dame” (“Stay” e “She” sopra tutte), tematiche tutte incentrate sulle donne in un rock acustico: madri, mogli, amanti che lottano per il valore della propria individualità ed affermare la propria indipendenza!
“La belle dame 2” è l’elaborazione delle sue canzoni con le voci di Alessandra Nazarro, Federa, Annalisa Madonna, Caterina Salzano, Marilena Vitale.
Punk, grunge e rock emergono prepotenti a primo ascolto nel primo discorso, la femminilità nel secondo.
Il disco fa il suo ingresso nella giornata contro la violenza sulle donne: cinque brani in tutto veramente sconvolgenti!
Valerio Bruner canta di personaggi che, spesso, molto spesso, vivono ai margini della società, nelle prossimità di un fiume che, lento, scorre inesorabilmente, come i poeti vagabondi o le prostitute di periferia, persone sempre ricche di aneddoti e racconti.
Ogni sua canzone è uno spaccato di vita che sa di amore, passione, rabbia o disperazione; è un tuffo nell’anima più profonda dei protagonisti, divenendo, così, anche un… viaggiatore.
Ecco perché nei suoi spostamenti porta con sé sempre un taccuino su cui trascrivere esperienze, incontri e luoghi vissuti…
Nel 2015, ancor prima di “Down the river”, porta in scena “Nonsense a nord del Tamigi” con il “Teatro di Contrabbando”, con un buon successo di pubblico e di critica (spettacolo vincitore del Festival Stazioni d’Emergenza del Teatro d’Innovazione Galleria Toledo e finalista del Festival Crash Test).
“None but the brave – Un viaggio immaginario nell’America di Bruce Springsteen” e “La ballata del drago e del leone – Alba Gu Brath” sono i titoli dei suoi libri; “Malammò o della Madonna puttana” è l’altro testo teatrale.
Valerio Bruner si è cimentato anche con i corti: “Dead Man Working”, uno spaccato della società contemporanea, ha vinto come Miglior Corto nella rassegna “I Corti della Formica 2019”.
Tutto questo si racchiude in una sua affermazione: “Viaggiare apre la mente, ti rende più ricettivo e rispettoso verso culture, costumi ed usanze diverse dalle proprie: è proprio dall’incontro e dal confronto con l’altro che capiamo chi siamo veramente!”.
D’accordissimo con Valerio Bruner non posso che augurargli “Buon viaggio, Valè!”…

EMILIO VITTOZZI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *