Inquinamento del Sarno, il Sindaco Cimmino scrive alla Corte di Strasburgo

Castellammare – Il Sindaco Gaetano Cimmino ha deciso di scrivere alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, con sede a Strasburgo, per informarla in merito alla rinnovata emergenza del fiume Sarno e per salvaguardare i cittadini dai pericoli derivanti da un disastro ambientale di enormi proporzioni.

“L’inquinamento del Sarno – scrive sui propri canali social – influisce in maniera devastante sulla possibilità di garantire un adeguato rispetto e godimento del diritto alla salute, connesso al diritto ad un ambiente salubre e ad uno standard adeguato delle condizioni di vita.”

Dopo oltre 40 anni di grave degrado, a seguito della sospensione dell’attività delle industrie che operano nelle vicinanze del fiume causata dall’emergenza Covid-19, le acque del Sarno erano tornate quasi limpide e in alcuni tratti erano ricomparsi persino alcuni tipi di flora sommersa e alcuni esemplari di fauna, scomparsi da vari decenni.

“L’entusiasmo, però, si è rivelato effimero, dal momento che, con la ripresa delle attività industriali, sono riapparsi liquami e scarichi inquinanti all’interno del fiume, che rivelano in maniera inequivocabile che continuano ad esserci aziende che scaricano i propri reflui nel fiume piuttosto che inviarli a depurazione. Una piaga che pregiudica la salute del corso d’acqua. E i risultati degli interventi per il disinquinamento da parte degli enti sovraordinati si sono rivelati finora insufficienti.”

Il primo cittadino, già nel corso del mese di novembre 2018, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, per denunciare la presenza di agenti inquinanti che, attraversando la corrente del fiume, sfociano in mare. Sversamenti provenienti da aziende del settore agroalimentare e concerie, che scaricano sostanze tossiche per l’uomo e per l’ambiente: cadmio, piombo, rame, nichel, vanadio, arsenico, zinco, manganese, ferro e pesticidi.

L’area attraversata dal Sarno, non a caso, è stata definita “il pentagono della morte”, dal momento che gli abitanti dei 39 Comuni che insistono lungo il fiume Sarno sono soggetti ad un elevato tasso di mortalità per cancro.

“Un crimine – afferma il Sindaco – nei confronti del nostro ecosistema, che mette a repentaglio la salubrità dell’ambiente e la salute di tutti i cittadini.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *