Castellammare, lavori EAV: il Sindaco annuncia esposto in Procura

“Denuncerò in Procura quello che sta accadendo nel cantiere messo in piedi da Eav in via Grotta San Biagio.” Non si placano le proteste intorno ai lavori condotti da Eav per il raddoppio del binario Circum. Questa volta, dopo le denunce mosse dai cittadini e dal consigliere Tonino Scala, il Sindaco di Castellammare Gaetano Cimmino interviene a gamba tesa annunciando misure forti e invocando l’intervento della Magistratura.

“Quei lavori – spiega il primo cittadino – erano stati sospesi già con nota del dirigente all’urbanistica dello scorso 24 giugno, perché manca il parere della Città Metropolitana. Ed anche il governatore della Regione Campania ne aveva invocato l’interruzione in diretta, il giorno successivo al sopralluogo dei carabinieri forestali e della polizia municipale. Evidentemente – rincara la dose – tutto questo non basta per frenare l’arroganza e la prepotenza dei soliti noti.”

“Ci tengo a ricordare – precisa il Sindaco – che in consiglio comunale è stata approvata esclusivamente una variante di un progetto che risale al 2003 e che già aveva ricevuto il consenso di tutti gli enti presenti in conferenza di servizi. E per l’avvio dei lavori è necessaria un’ulteriore approvazione in consiglio comunale. Un progetto che includeva anche il sottopasso in via Cosenza, che ho categoricamente bocciato per non arrecare un danno incalcolabile all’intero quartiere del San Marco. Un progetto che, in una visione più ampia, doveva inglobare anche l’imminente apertura della stazione Castellammare Terme, che il presidente di Eav si ostina a non ritenere strategica per il territorio.”

L’intervento del Sindaco non lascia spazio alle interpretazioni. Pare chiaro ormai che la questione animerà la politica cittadina, e non solo, per le prossime settimane. “Andrò a fondo – conclude – su questa vicenda, per far luce sulle modalità con cui si sta procedendo in quel cantiere, certo che la magistratura farà presto chiarezza sui responsabili di questo scempio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *