Massimo Troisi, l’eredità di un attore senza tempo

Il 4 giugno di 26 anni fa ci lasciava Massimo Troisi, appena 12 ore dopo aver concluso quello che si sarebbe rivelato il miglior film della sua, purtroppo breve, carriera e lasciando ai posteri un’eredità pesante, forse impossibile da raccogliere. L’eredità di Napoli.

Massimo Troisi, un attore senza tempo

Massimo Troisi è stato un attore senza tempo, perché i tempi li ha sempre scelti lui. Una comicità disarmante, semplice e genuina, mai volgare, e senza mai denigrare la sua città. Perché, a differenza dei “masaniello” moderni, Troisi non ha mai riso su Napoli ma con Napoli. Non ha mai sfruttato gli stereotipi sulla città partenopea per risultare simpatico, anzi, ha sempre difeso il suo essere napoletano.

“Non si capisce“, urlavano sicuri, “questo Troisi se ne resti al Sud!” Adesso lo capiscono i canguri, gli Indiani e i miliardari di Hollywood!

Roberto Benigni 

Troisi è stato un attore senza tempo perché, come successo ai più grandi artisti, passato, presente e futuro non seguono le regole ordinarie. È riuscito a farsi apprezzare e amare di più da morto che da vivo, specialmente da chi lo criticava. Fa parte della storia dei grandi attori, dei grandi geni su cui non si può dire tanto e su cui, allora, si dice troppo, e male.

“Da ragazzo i miei continui e disinteressati slanci di altruismo mi diedero la fama di buono. Da grande quella di fesso.”

Massimo Troisi

Massimo Troisi è stato un attore senza tempo perché il suo cuore non ne aveva molto di tempo, ma anche al cuore è stato lui a dettargli i tempi dell’ultima battuta. Ci teneva tanto a finire “Il Postino“, tanto da rinviare le cure pur di finire il film. Lavorava ogni giorno incessantemente, con la fretta di chi sapeva di dover correre ma con la calma e l’accuratezza di chi ama quello che sta facendo. Il risultato è fenomenale, donando al suo personaggio la propria sofferenza e la propria semplicità, facendo far fatica allo spettatore nel distinguere Massimo Troisi da Mario Ruoppolo(il suo nome nel film), e consegnando ai posteri un film che si rivelerà senza tempo… proprio come Troisi.

 

avatar

Antonio Di Martino

Nato a Castellammare di Stabia. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania, dal 2015 inizio il mio percorso di collaborazione con diverse testate giornalistiche e radiofoniche. Dal 2019 sono direttore di ZonaCalcio.net e dal 2020 collaboro con StabiaPost.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *