“O sce, o sce… o sceriff”: il rapper Lucariello le “canta” a De Luca

O sce, o sce o sceriff… è questo il ritornello del rap di Lucariello con la quale ha annunciato la sua candidatura alle elezioni regionali in Campania nelle liste del M5Stelle. Un testo forte, immediato, che arriva in modo diretto non solo aglia amanti di questo genere musicale molto in voga tra i giovani.

Luca Caiazzo, in arte Lucariello, è un rapper nato nel quartiere di Napoli di Scampia che vanta collaborazioni con gli Almamegretta o Ezio Bosso, brani celebri che finiscono come colonne sonore in ‘Gomorra-la seriè e impegno con Libera.

Il video, apparso nella giornata di oggi sul profilo social dell’artista, si apre con un’immagine in cui si legge “Lucariello VS De Luca” con le immagini dei due, in sottofondo alcune parole di De Luca. “Noi non abbiamo dimenticato trattati come pezzenti, come mancia elettorale”. Il riferimento è ai fondi europei non utilizzati per cinque anni e utilizzati negli ultimi mesi come bonus una tantum.

Ed ancora “Non fai più ridere lo sai, ti abbiamo scoperto. Tu e Caldoro in 10 anni cosa avete combinato. Ora fai il fenomeno ma non ci siamo dimenticati, dell’abbandono delle formiche in bocca ai malati. Hai cavalcato la pandemia per sentirti un Dio, con questi monologhi fai l’astrologo: solo bugie”. Poi continua con la politica familistica che vede i due figli uno deputato l’altro assessore a Salerno.

Insomma un testo duro che prova a cancellare la narrazione che durante l’emergenza covid ha rimesso in campo Vincenzo De Luca che sembrava spacciato a febbraio e oggi, grazie ad una comunicazione efficace che sembra aver resettato il modo con il quale ha governato lo ha rimesso in corsa facendolo crecere nei sondaggi.

Parole come macigni che riusciranno a scalfire la figura dello sceriffo? Lo vedremo in quella che si annuncia una calda campagna elettorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *