San Leonardo, la denuncia dei medici. Tonino Scala: cronaca di un disastro annunciato

Tonino Scala, consigliere comunale di Leu a Castellammare di Stabia, dopo la denuncia fatta dai medici sul disastro del nosocomio stabiese, essendo stato uno dei primi a denunciare un disastro che oggi è sotto gli occhi di tutti, dice la sua:

C’è chi continua a parlare di sciacallaggio mediatico: al peggio non c’è mai fine.
Un disco rotto, una narrazione violenta e insopportabile che non si ferma nemmeno davanti alle scene che dovrebbero rendere tutti un po’ più umani.
Nel frattempo i sindacati, i medici, gli operatori, vanno in Procura.
Quelli del San Leonardo. Di Castellammare. La mia città. Capitale di un disastro annunciato.
Quelli del 118, quelli che hanno contratto il covid nella prima fase, in Primavera quando mancava tutto, anche il buonsenso.
Trattati come carne da macello: ai piedi buste della spesa.
I medici erano in rivolta allora, lo sono ancor più oggi: La seconda ondata è di gran lunga peggiore.
Chi ha sbagliato paghi, dicono. A maggior ragione oggi che si volgono alla Procura della Repubblica presentando un voluminoso dossier su errori e inefficienze.
Eppure mi ricordo quel periodo. C’era chi mi attaccava gratuitamente dicendo che stavo facendo del male alla città: non potevo parlare male del San Leonardo. Come dire… i panni sporchi si lavano in famiglia. A me sta famiglia non è mai piaciuta!
Quegli operatori, in sette mesi hanno vissuto sulla loro pelle tutte le inefficienze del sistema sanitario regionale. Sono stati in prima linea senza i dispositivi adeguati. Avevano tute di carta comprate con i loro soldi dal ferramenta al posto dei calzari buste vuote della spesa e mascherine non a norma.
A loro mi sento di dire grazie.
A chi ha difeso l’indifendibile non dico nulla penso alla loro buona fede, quando si tifa, si venera, si ama, la lucidità viene sempre a mancare.
A Lui, il Magliaro chiedo un po’ di serietà, sobrietà e senso delle istituzioni: la sceneggiata è finita, qui c’è gente che muore, ci sono operatori sanitari che vanno ringraziati per aver lavorato in condizioni pessime per essere stati trattati come carne da macellare.
Bisognava e bisogna essere seri.
Ora, non domani. Ora.
Fate presto!

Tonino Scala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *