Sinistra Italiana attacca: “In Campania valiamo tutti quanti meno di un calciatore?”

Comunicato stampa del Coordinamento Regionale di Sinistra Italiana Campania.

“L’ordinanza beffa della Regione Campania è la n° 43. “Costruita ad hoc” per rendere possibili i tamponi per il Napoli Calcio e accontentare De Laurentis che così può salvaguardare il suo patrimonio. Infatti, in questa ordinanza, si autorizzano gli allenamenti dei calciatori ma, allo stesso tempo, si rendono obbligatori i tamponi, seppur a spese della società calcio Napoli, perché si chiede che la ripresa degli allenamenti avvenga in sicurezza.

Sicurezza, si… ma per chi??? Solo per i calciatori milionari e per De Laurentis che detiene il patrimonio e non vuole problemi!?! Si sta perpetrando un’altra scandalosa, grave e pericolosa situazione discriminatoria ai danni dei comuni cittadini e dei lavoratori campani!

Allora perché nell’ordinanza n° 39 per la riapertura delle attività produttive, dei cantieri, delle attività commerciali non si sono resi obbligatori i tamponi per i lavoratori e le lavoratrici, semplici cittadini, che devono riprendere a lavorare per davvero a catene di montaggio o su pericolose impalcature, e non ad allenarsi all’aria aperta?

La sicurezza per questi lavoratori non va garantita? Possono contagiarsi e morire? Per gli esperti della Regione Campania è più rischioso e pericoloso allenarsi individualmente in grandi spazi (e quindi con la possibilità di grande distanziamento) rispetto a lavorare al chiuso, con difficoltà di distanziamento, lungo una catena di montaggio.
Questa è una situazione discriminatoria di una gravità inaudita.

Va resa pubblica a tutta la popolazione! Si pensa al bene ed alla sicurezza di venti calciatori e non a quella di migliaia di onesti e modesti lavoratori che invece di saper giocare a pallone sanno solo lavorare e fare sacrifici, mandando avanti la nazione per una miseria al mese, non per i milioni elargiti per quattro calci ad un pallone!
Se un lavoratore volesse fare un tampone o un infermiere volesse appurare di non essere positivo dopo una giornata in un reparto covid, dove e come dovrebbe fare? Dovrebbe imparare a giocare a calcio?
Per la Regione Campania la salute e la sicurezza dei suoi cittadini valgono meno di quelle di una società sportiva?

Coordinamento Regionale Sinistra Italiana Campania”

avatar

Antonio Di Martino

Nato a Castellammare di Stabia. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania, dal 2015 inizio il mio percorso di collaborazione con diverse testate giornalistiche e radiofoniche. Dal 2019 sono direttore di ZonaCalcio.net e dal 2020 collaboro con StabiaPost.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *