La salute vien mangiando – Dieta depurativa: cosa mangiare

Spesso si sente parlare di dieta depurativa o disintossicante, cioè di diete in grado di eliminare sostanze dannose che si sono in qualche modo accumulate nel nostro organismo.

Ma cosa fanno realmente queste diete? Cosa si intende per intossicazione? E ha senso parlare di “depurazione” dell’organismo?

Nell’organismo, il sistema sanguigno e linfatico portano il nutrimento alle cellule e ne ricevono in cambio gli scarti metabolici, cioè le tossine. Per mantenere sangue e linfa puliti, il corpo è dotato di organi, definiti “emuntori” – cioè fegato, reni, polmoni, pelle, intestino – che hanno il compito di espellere le scorie. Ma a volte l’organismo non riesce a smaltire un eccessivo accumulo di tossine. E se l’ambiente in cui vivono le cellule non viene mantenuto pulito, si verifica una condizione di intossicazione che compromette la salute e il benessere psicofisico, sottrae energia, rende più vulnerabili a malattie e disturbi, facilita l’insorgere di sovrappeso e cellulite.

L’assunzione di cibi raffinati, ricchi di grassi e poveri di vitamine e minerali, favorisce l’ accumulo di tossine così come uno stile di vita scorretto, e un ambiente esterno saturo di smog e polveri inquinanti. Depurarsi è quindi essenziale per aiutare l’organismo a liberarsi dalle sostanze nocive.

Una dieta depurativa è un regime alimentare particolare, volto ad esaltare l’eliminazione delle sostanze tossiche presenti nel sangue tramite una scelta ponderata dei cibi. Seguendo una corretta alimentazione è infatti possibile coadiuvare i naturali processi di detossificazione dell’organismo e ridurre la quota di tossine originatasi durante i vari metabolismi.

I momenti migliori per farlo sono:

  • all’inizio di una dieta dimagrante per migliorarne e mantenerne i risultati
  • in primavera per eliminare gli accumuli provenienti dall’alimentazione invernale, solitamente ricca di cibi calorici
  • in autunno per rinforzare l’organismo in previsione delle patologie invernali
  • dopo i periodi di feste, ferie o di eccessi alimentari.

I cibi disintossicanti sono tutti quelli ricchi di acqua, di fibre, di vitamine, di sali minerali e di antiossidanti in genere. Quelli intossicanti, invece, contengono proteine animali, additivi, grassi cattivi e colesterolo, agenti inquinanti, farmaci, molecole nervine ecc. e si tratta prevalentemente di: cibi fast-food (fritti, hamburger, wurstel ecc), merendine ed altri prodotti confezionati, grassi aggiunti, alimenti salati, alimenti zuccherati, caffè, alcolici ecc.

In cosa consiste la dieta depurativa e per quanto tempo va seguita?

Per avere un effetto depurativo, basta seguire questo regime alimentare per tre giorni: si elimineranno tante tossine e scorie nocive!

Innanzitutto, vengono totalmente aboliti alcool, bevande gasate, zuccherate, dolci e dolciumi vari, e le proteine di origine animale.

Bere molto, almeno 2l di acqua al giorno, è uno dei sistemi più efficaci per eliminare le tossine dall’organismo, attraverso urine e sudore. Non solo, bere tanta acqua aiuta a riossigenare la pelle, donandole un aspetto più sano e lucente e a eliminare quel senso di spossatezza.

Al mattino appena svegli e a digiuno proviamo a iniziare bevendo una tazza di acqua tiepida e limone, elementi semplici ma benefici.

Il succo così acido del limone ha la sua principale proprietà proprio nell’avere nel nostro organismo, un’azione contraria, cioè alcalinizzante. Gli acidi che lo caratterizzano una volta introdotti nell’organismo danno infatti reazione basica, questo perché durante la metabolizzazione l’acido citrico si ossida e i sali che ne derivano danno origine a carbonati e bicarbonati di calcio e potassio che contribuiscono all’alcalinità del sangue. Depurarsi con acqua e limone è un ottimo mezzo per migliorare il transito intestinale, al contrario di quando si dice, il limone risulta efficace per combattere la stipsi, se utilizzato costantemente permette di perdere in poco tempo anche i chili di troppo, efficace anche contro la cellulite.

A colazione è ideale una macedonia con uno yogurt magro e fiocchi d’avena integrali oppure 1 fetta biscottata integrale.

Come spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio frutta a volontà e centrifugati detox.

A pranzo e a cena sì ad insalatone con verdure (carciofi, finocchi, cetrioli, prezzemolo, sedano, cavoli, broccoli), sì a legumi, pesce, riso integrale, farro, orzo; no a sale, prodotti affumicati, fritti, insaccati, dolci, caffè.

In definitiva, quindi, ogni dieta depurativa che si rispetti risulta ricca di alimenti vegetali, povera di cibi animali e incentrata sulla restrizione calorica, senza comunque arrivare al digiuno assoluto o ad inutili privazioni. Spesso, quando si parla di depurarsi o disintossicarsi entra in gioco un indubbio condizionamento psicologico, secondo cui è necessario “pulire un corpo affaticato da ritmi di vita frenetici, inquinamento, cattiva alimentazione ed altri fattori stressogeni”. Sfruttando questa convinzione, vengono proposte soluzioni prive di qualsiasi evidenza scientifica, spesso eccessive o addirittura pericolose; vediamo così persone correre sotto il sole cocente indossando una tuta termica, altre adottare regimi alimentari quantomeno discutibili (dieta fruttista, crudista ecc.), altre ancora ricorrere a clisteri con il solo scopo di pulire il proprio intestino e via discorrendo. Ovviamente non sono certo questi ulteriori ed importanti stress (disidratazione, squilibri elettrolitici, carenze alimentari ecc.) ad aiutare un organismo già provato dal presunto eccesso di tossine.

avatar

Le Nutrizioniste

Le Nutrizioniste Dott.ssa Lucia Scarica Dott.ssa Teresa Desiderato Biologhe della nutrizione Corso Vittorio Emanuele 158 c/o centro ME.DI., Castellammare di Stabia Noi siamo quello che mangiamo: la nostra dieta non è un sacrificio ma uno stile di vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *