Juve Stabia-Livorno, le vespe non volano: lotta salvezza si fa dura

La 30esima giornata di Serie B porta in scena Juve Stabia-Livorno, una sfida delicata per quanto riguarda la parte bassa della classifica. Le vespe, al quattordicesimo posto in classifica e in piena ricerca di punti salvezza, accolgono al Menti l’ultima della classe.

La partita vede fin dai primi minuti un pressing alto e ossessivo degli ospiti ma con ben poche idee. A fronte di qualche tentativo offensivo, infatti, fino al minuto 21′ non si registrano pericoli. A sbloccare la situazione ci pensa il solito Giacomo Calò, su punizione, dall’out di sinistra cerca la spizzata di qualche compagno, la traiettoria beffa la difesa e Plizzari, con la sfera che termina in rete senza deviazioni. È 1 a 0. Al 35esimo è Calvano, da fuori, che sfrutta una bella sponda di un compagno ma la conclusione, potente, non è precisa. Brividi nel finale con Calò che, di nuovo su punizione, prova a beffare il portiere avversario che smanaccia fuori.

La ripresa vede il Livorno rientrare meglio in campo e andare vicino al pareggio con un tiro a rientrare di Marsura, neo entrato, che sfiora l’incrocio. Pochi minuti dopo, situazione analoga ma con risultato differente. Agazzi, riceve in area, e lascia partire un tiro a giro che non lascia scampo a Provedel: 1 a 1. Padroni di casa che accusano il colpo e subiscono anche la seconda rete con Marras che in spaccata devia un filtrante in porta, beffando il portiere in uscita. Le vespe provano la reazione con un colpo di testa che finisce di poco sopra la traversa. Al minuto 84′ si riapre il match: Porcino commette un fallo ingenuo e cattivo, punizione e rosso diretto. Dagli sviluppi Calò pesca Cissé che di testa batte Plizzari per il 2 a 2. Pronti, via e scatta la seconda ammonizione per Ricci, che riporta la parità numerica in campo. Animi accesi da ambo le parti e che portano all’espulsione anche di Mister Filippini. A tempo scaduto, cross in mezzo di Luci, con la difesa che svirgola male, la palla arriva a Boben che batte Provedel per la terza volta portando il risultato sul definitivo 3 a 2.

Sconfitta amara per la Juve Stabia che, con un calendario difficile alle porte, complica la sua lotta salvezza. Tre punti d’oro per gli amaranto che, nonostante un campionato compromesso, provano a chiudere la stagione onorandola nel migliore dei modi.

Juve Stabia – Provedel; Fazio, Troest(Rossi 78′), Allievi, Ricci; Addae, Calò, Calvano(Canotto 59′); Bifulco(Elia 69′), Cissé, Forte. All. Caserta

Livorno – Plizzari; Del Prato, Bogdan, Boben; Ruggiero(Marsura 46′), Agazzi, Luci, Awua, Seck(Porcino 55′); Marras(Mendes 74′), Ferrari(Braken 55′). All. Filippini

Ammoniti: Ricci 5′, Forte 18′, Cissé 27′, Fazio 42′, Calò 72′(J); Marras 5′, Ruggiero 20′ (L)

Espulsi: Germoni 61′(dalla panchina), Ricci 85′(doppia ammonizione) (J); Porcino 84′(L)

Marcatori: Calò 21′, Cissé 85′(J); Agazzi 59′, Marras 61′, Boben 94′(L)

avatar

Antonio Di Martino

Nato a Castellammare di Stabia. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania, dal 2015 inizio il mio percorso di collaborazione con diverse testate giornalistiche e radiofoniche. Dal 2019 sono direttore di ZonaCalcio.net e dal 2020 collaboro con StabiaPost.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *